Futuro del blog

29 06 2007

interrogation.jpg Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Gutsy Gibbon Tribe 2 is out

28 06 2007

ubuntu.png

Come sempre gli sviluppatori della Canonical sono sempre puntuali nel rilascio delle loro versioni. Come indicato nella loro tabella di marcia oggi è stata rilasciata Ubuntu 7.10 Tribe 2 aka Gutsy Gibbon. Che dire.. ottimo lavoro!

Le novità incluse di default in questo rilascio sono:

  • Gnome 2.19.4
  • Disponibilità nei repository Universe di Firefox 3.
  • Compiz Fusion abilitato di default.
  • Installazione semplificata per Gnash, una alternativa libera a Macromedia Flash.




News dal mondo compiz:

27 06 2007

Ogni giorno che passa le migliorie apportate a Compiz sono sempre di più, il passaggio da Beryl git a compiz fusion mi ha soddisfatto e non poco, ma ora ammirate cosa stanno sviluppando questi “sviluppatori pazzi” che ci hanno creato una dipendenza da “cubo”.

Fonte: OsRevolution





Un occhio su Dell

26 06 2007

Da quando Dell ha deciso di vendere i suoi computer con Ubuntu preinstallato ho dato sempre più uno sguardo alle sue news e ai suoi movimenti. Oggi a quanto pare Dell ha deciso di dare un nuovo aspetto ai suoi computer portatili per renderli un pò più accattivanti, sia nelle caratteristiche hardware che esteticamente . Leggi il seguito di questo post »





Google collabora per Firefox 3

26 06 2007

firefox.png

Che google collabori per la produzione di Firefox 3 è sicuramente una cosa ottima, ma come in tutto c’è qualcosa sotto.  Infatti non stà aiutando per lo sviluppo del browser in generale ma bensì per integrare un sistema per l’utilizzo delle applicazioni SaaS anche offline in maniera simile a come fin’ora è stato fatto con l’estensione Google Gears. L’idea base è quella di scrivere una e-mail offline che verrà salvata nel proprio computer e appena viene rilevata una connessione essa verrà inviata. Oltre a questo Firefox 3 presenterà numerose modifiche nella modalità di navigazione tra i bookmark e la history, in modo anche da facilitare le applicazioni di terze parti che volessero usufruire di tali dati. Inoltre il fattore più importante che interesserà a tutti è il problema dello sfruttamento delle risorse come tutti avrete notato.

Fonte: html.it





Da Beryl GIT 0.3.0 a Compiz-fusion 0.5.1

26 06 2007

Putroppo il tempo che ho per scrivere su questo blog ultimamente è poco visto l’esame che stò affrontando. A breve darò l’orale quindi sarò libero e potrò dedicarmi al blog e a tutti voi. Ieri notte avevo un pò di tempo libero e ho deciso di provare compiz-fusion. A dirla tutta ho rimosso beryl del tutto, perchè mai direte voi, sembra strano ma compiz-fusion ormai ha superato alla grande beryl git 0.3.0 non per quanto riguarda i plugin ma la fluidità e performance del software. Ho notato delle buone migliorie e ho deciso di rimpiazzare il vecchio rubino con compiz. Leggi il seguito di questo post »





Hacking Ubuntu to improve performance

24 06 2007

 Questo testo scritto in ben 9 pagine riassume i migliori consigli per tenere sotto controllo un sistema e migliorarne le performance. Non è una semplice guida ma un’estratto dal libro Hacking Ubuntu: Serius Hacks Mods And Customtizations un ottimo libro molto bello e ai livelli di Ubuntu Hacks scritto da O’Reilly. Gli argomenti tratti sono molto interessanti e fra essi possiamo trovare:

  • una descrizione dei principali metodi per tenere sotto controllo i processi in esecuzione,
  • viene illustrato l’utilizzo del comando kill,
  • si descrivono i metodi per individuare gli script di avvio e viene fatta una analisi di essi,
  • viene descritto cron,
  • ci si addentra nell’utilizzo di sysctl per cambiare parametri del kernel in runtime e si fa pratica con il comando ulimit e si impara a disabilitare i servizi non necessari con sysv-rc-conf per un avvio più veloce.

Il tutto in sole 9 pagine, è un testo sicuramente ottimo e molto utile che ci permette di addentrarci fino in fondo nel nostro sistema permettendoci di dargli delle performance da urlo. Chiunque sia interessato può trovare qui il testo in inglese.

Fonte: ossblog